Leonardo Ricci, Architetto della Partecipazione e dell’Ambiente naturale e costruito

0
87
Il Padiglione Centrale di Agape nel 1953, a opere da poco finite.

di Corrado Gavinelli e Mirella Loik

La Triade Comunitaria: Agàpe, Monterinaldi, e Riesi. Tre esperimenti architettonici per un insediamento di diversa esistenzialità collettiva (ecumenica, residenziale, e sociale)

Parte Prima: Agape

Io credo che Agàpe non dovrà essere mai finita” (Leonardo Ricci, 1960)

A Leonardo Ricci (noto architetto fiorentino morto ormai nel 1994, e di cui due anni fa, nel 2018, è ricorso il centenario della nascita) bisogna dare il merito di essere stato (oltre che un importante, e interessante – benchè nella sua modestia egli si sia auto-denominato “Anonimo del XXesimo Secolo” – progettista della seconda metà del Novecento) uno dei grandi protagonisti della architettura contemporanea, internazionale e non soltanto italiana.

E lo è stato per due sue particolari inflessioni progettuali: la tendenza partecipativa (quello specifico atteggiamento propositivo tramite cui gli architetti coinvolgono integrativamente gli utenti nella definizione pratica del progetto edilizio, e perfino nella sua realizzazione materiale), e l’ambientamento architettonico (una disposizione verso il rispetto – o i suggerimenti propositivi di conservazione dovuta – della natura nei confronti degli interventi costruttivi [Figura 1].

1. L’architetto fiorentino Leonardo Ricci nel 1966 a Monterinaldi davanti alla sua Casa-Studio, da lui progettata nel Villaggio Residenziale.

Le sue opere architettoniche che meglio – ed espressamente – per volontà di concepimento e risoluzione attuativa, rappresentano tale sua modalità progettuale, sono i tre consecutivi (e cronologicamente interconnessi) interventi, eseguiti nell’immediato secondo dopoguerra, e per tutto il dopo-Ricostruzione, dal 1947 al 1968: e sono il Centro Ecumenico di Agàpe, costruito sulle Alpi Cozie piemontesi presso Prali di Ghigo nella Valle Germanasca (1947-51: eseguito con la direzione dell’ingegnere altrettanto fiorentino Costantino Messina, e proseguito poi, nel 1956/59-62 dal collaboratore e amico architetto – pure egli di Firenze – Giovanni Klaus Koenig, e quindi completato con il perfezionamento dei servizi comunitari nel 1965 e 1985-87), l’Insediamento Residenziale a Monterinaldi eseguito sulle colline del capoluogo toscano (1949-1952/53, concluso tra 1960 e 1964), e il Villaggio del Servizio Cristiano (Valdese) sul Monte degli Ulivi a Riesi, nel territorio siciliano di Caltanisetta tra Canicattì e Piazza Armerina (1962/63-1966/68).

Il CENTRO DELL’AMORE COMUNITARIO

La sede alpina per incontri ecumenici di Agàpe (una parola biblica che significa letteralmente, in greco antico, carità: ma specificamente riflette l’amore divino; e traslatamente – essendo stato un rituale comunitario pressi i primi Cristiani in Italia ricordante la commemorazione conviviale eucaristica – si riferisce alla dedizione umana incondizionata verso gli altri, e reciproca) [Figura 2]

2. Agapè, afrresco nelle Catacombe romane dei Santi Marcellino e Pietro, 368-69. La Festa dell’Agàpe (che nella rappresentazione catacombale cristiano-antica è scritta nella forma greco-arcaica con l’accento sull’ultima “e”) è una consueta ricorrenza prandiale di commemorazione conviviale dell’Ultima Cena, sotto forma di riproposizione rituale della tradizione eucaristica; corrispondente ad un mistico incontro fraterno tra fedeli determinato da un amore incondizionato, di
corrispondenza divina (secondo la sua definizione biblica, indicata da san Paolo di Talso nella sua Prima Lettera ai Corinzi come “eterno amore di Dio”).

proviene da una idea del Pastore valdese, e teologo protestante (nonché poi Senatore della Repubblica Italiana), Tullio Vinay, espressa nel 1946 a Prali durante un occasionale campeggio estivo delle Unioni Giovanili valdesi di cui egli era segretario (e non nel 1947 al primo convegno post-bellico dei Movimenti Giovanili del Dipartimento del Consiglio Ecumenico delle Chiese cristiane europee, come erroneamente alcuni riportano) [Figura 3].

3. Tullio Vinay sul colle sopra Agàpe nel 1956, durante la conclusione del villaggio di Ricci.

In quella circostanza egli propose un progetto di coinvolgimento comune, riferito particolarmente alle nuove generazioni, consistente nella costruzione di un centro ecumenico internazionale nelle valli valdesi (le terre originarie dei Protestanti italiani) con lo scopo di promuovere un campo estivo di interazione tra i giovani e di comunicazione solidale, di fraternizzazione internazionale (ed interconfessionale), e di scambio di considerazioni teologico-esistenziali.

Senza dimenticare anche il suo riferimento sottinteso ad una interpretazione del concetto di Pace – fondamentale nella ancòra vicina conclusione della seconda guerra mondiale – attuabile nella pratica quotidiana con la semplice volontà di attuarla da parte di singoli individui raccolti in gruppi operativi nella operosa azione concreta di piccole organizzazioni comunitarie (come in modi diversi stava avvenendo in altre parti del mondo, nel desiderio collettivo di una ripresa sincera di speranza ri-costruttiva).

Ma se all’inizio il progetto agapino voleva essere una creazione prettamente rivolta a iniziative comunitarie di contenuto religioso per attuare l’incontro-confronto tra appartenenti a diverse fedi, sostanzialmente di derivazione protestante, in sèguito, nel trascorrere del tempo (ma già durante la costruzione del complesso edilizio) la sua destinazione attuativa ha assunto ulteriori aperture esplicite verso altre partecipazioni di credo (e in sèguito anche a visioni espressamente laiche), in un senso mondiale di fraternizzazione complessiva, giungente quindi ad un allargamento procedurale rivolto a molteplici tematiche di storia e attualità soprattutto, culturali e sociali.

4. Leonardo Ricci sotto il portico dell’Ingresso all’Aula Comune di Agàpe nel 1949.

Per la progettazione del Centro Ecumenico agapiano, Vinay (che nel 1947 venne spostato a Prali da Firenze per esercitare il proprio periodo pastorale in quella località montana del Piemonte), si rivolse sùbito a Leonardo Ricci, che aveva conosciuto e frequentato durante il proprio ministero sacerdotale a Firenze svolto dal 1934 al 1946 [Figura 4].

E da quell’incontro provenne la splendida integrazione di ideali ed intenti che condusse alla eccezionale realizzazione architettonica di Agàpe. [Figura 5]

5. Autore Ignoto, Vinay e Ricci ad Agàpe nel 1949, in una pausa dal lavoro (rielaborazione tonal-cromatica di Corrado Gavinelli del 2020).

Una attuazione unica, nel suo genere, all’interno del contesto internazionale appena uscito dalla triste avventura del devastante secondo conflitto bellico mondiale [Figure 6-12].

6. Il Villaggio di Agàpe nella Planimetria ricciana originaria del 1947, e nel plastico della risoluzione costruttiva fino al 1959, elaborato nel 1995 da Maria Grazia Polga per il Laboratorio Sperimentale di Modellazione Storica (LSMS) diretto
da Corrado Gavinelli (foto di Gavinelli del 1996: impaginato ripreso dal libro L’Architettura di Leonardo Ricci – Agàpe e Riesi, publicato dalla Editrice Claudiana di Torino nel 2001).
7. Il modello originale di Ricci per Agàpe del 1947 (foto di Corrado Gavinelli (2000). Le parti di utenza comunitaria sono, dall’alto e da sinistra a destra: i 4 edifici dei Dormitori in sequenza; l’esteso fronte dei Padiglioni, con il Matroneo e l’Aula Centrale (per assemblee varie e servizio di culto coperto) penetrante nel vasto cortile retrostante, e quindi il Campanile laterale (poi realizzato a piani vuoti e non con intera volumetria compatta) che chiude – con la restante manica edilizia al fondo – lo spazio ecclesiale all’aperto. Anteriormente al fronte principale, sui pendii esterni risagomati, sono ricavati una scalinata per soste informali o àmbiti di sosta e incontri di pausa; ed un invaso teatrale incassato, a gradonate.
8. Il prospetto frontale agapese nel suo aspetto finale con l’imponente Torre
Campanaria, realizzata tra il 1957 ed il 1958 (foto di Corrado Gavinelli del 2018).
9. Leonardo Ricci, Il Padiglione Centrale, disegno, 1948
10. Il Padiglione Centrale di Agape nella sua esecuzione costruita (fotografia di Corrado Gavinelli del 2020).
11. Il Padiglione Centrale di Agape nella propria configurazione contestuale d’uso nel 1953, a opere da poco finite.

Una esperienza unica, certamente, che però non può venire considerata isolata e conclusa nella sola sua esecuzione singola: perchè essa non è stato il solo intervento – nel proprio senso comunitario – ad essere pensato ed attuato dall’architetto fiorentino, costituendo invece una sorta di inizio progettuale, divenuto poi un principio concettual-operativo, per altri esperimenti di comunità architettonico-urbanistiche analoghi e differenziati. Di cui i villaggi a Monterinaldi e a Riesi (come abbiamo appena riferito poco sopra) sono stati gli esemplari edilizi e contestuali di continuità e nuova elaborazione.

12. L’ingegnere fiorentino Costantino (Nino) Messina (che è stato l’effettivo gestore della costruzione del villaggio ricciano come Drettore dei Lavori) sul cantiere di Agàpe nel 1950 (foto di Roberto Jahier).

Comunitarietà, partecipazione, autocostruzione, e ambientalismo

Il significato architettonico sostanziale del progetto di Agape risiede in due fondamentali concezioni: innanzitutto, la partecipazione comunitaria rivolta alla aggregazione sociale, che – anche per condizioni contingenti di realizzabilità dei lavori e della manodopera a disposizione – si riversa nella diretta (auto)costruzione degli apparati di infrastrutture e di residenze e servizi; e quindi il senso rispettoso di conservazione ambientale del luogo in cui il costruito viene inserito.

È certamente, la risoluzione partecipativo-autocostruttiva, una idea intellettuale che a Ricci, per questo suo primo lavoro importante e diverso, è pervenuta dalla memoria culturale della storica, anch’essa realizzata di recente e in contemporanea con le sue opere, avventura costruttiva perseguita (dal 1937 al 1952) dal proprio maestro organico, lo statunitense Frank Lloyd Wright; che un quindicennio prima aveva attivato – con i suoi collaboratori e studenti – la esecuzione del laboratorio architettonico (e di proprio Studio Professionale invernale) a Taliesin di Scottsdale presso Phoenix, nel pieno deserto arido – e disabitato – dalla Arizona [Figure 13-16].

13. La esperienza auto-costruttiva wrightiana a Taliesin di Scottsdale presso Phoenix: l’ingresso all’edificio contenente la Scuola-Studio di Architettura del grande architetto organicista statunitense Frank Lloyd Wright (foto di
Corrado Gavinelli del 1997), con il suo tipico materiale costruttivo in sassi spaccati affogati nella malta cementizia.

14. Taliesin West. L’attività partecipativa degli allievi-residenti durante la costruzione edilizia nel 1947 (foto di Pedro Guerrero).

15. Una loro tenda da campo provvisoria allestita nel 1937 (all’inizio dei lavori).
16. Una immagine del 1955, ad opere concluse, dell’Ufficio del progettista (che sta definendo la esecuzione in tappezzeria di un suo disegno del 1928 preparato per la rivista newyorkese Liberty).

Ma che nel contesto montano di Prali si è maggiormente motivato nella esigenza pratica di utilizzare, entro l’isolato territorio delle Alpi, le risorse disponibili, composte da pochi lavoranti locali, e invece originalmente da volontari eterogenei in quel posto pervenuti proprio per contribuire alla straordinaria esperienza costruttiva del centro ecumenico [Figure 17 e 18].

17. Un gruppo di Volontari ad Agàpe nel 1950 (foto di Roberto Jahier).
18. Un momento dei lavori di costruzione del Matroneo ecclesiale nel 1951.

La partecipazione edilizia comunque era anche una proposizione esecutiva che dall’immediato dopoguerra si era già manifestata – e stava ancòra sviluppandosi internazionalmente – in alcune esecuzioni particolari (quali il Villaggio di Nuova Gurna in Egitto, realizzato dal 1945 al 1950 utilizzando il lavoro degli abitanti locali seguendo i tradizionali criteri costruttivi del luogo, condotto dall’architetto egiziano Hassan Fathy; oppure i primi Kibbuz israeliani iniziati sporadicamente ancòra prima della istituzione dello Stato di Israele nel 1949) [Figure 19-22] – ma che ugualmente veniva dibattuto dagli architetti dopo-moderni delle nuove generazioni post-belliche (tra cui l’anglo-svedese Ralph Erskine e l’italiano Giancarlo De Carlo) in una controversia disciplinare che diverrà scissione interpretativa nell’ultimo Convegno CIAM (Congressi Internazionali per l’Architettura Moderna) tenuto ad Otterloo in Olanda nel 1959, dopo la forte opposizione manifestata verso i troppo rigidi princìpi costruttivo-estetici del Movimento Moderno.

19. Due degli esempi di insediamenti comunitari di realizzazione partecipativo-
autocostruttiva del periodo immediatamente post-bellico: un villaggio
residenziale dell’architetto egiziano Hassan Fathy (Nuova Gurna, realizzato
a Luxor in Egitto – tra i Colossi di Memnone e la Valle dei Templi – dal
1945 al 1950) ed un kibbuz israeliano (a Dalia, in Galilea ad occidente di
Nazareth, eseguito dal 1939 al 1947, come autonoma comunità cooperativa
ancòra prima della istituzione dello Stato di Israele).
Nelle immagini, dall’alto: la Nuova Gurna appena conclusa nel 1950 in una foto del
stesso Fathy; il suo metodo autocostruttivo, realizzato dalla popolazione locale
con i tradizionali sistemi costruttivi in mattoni (pareti e
volte) e tetti in tegole lateritiche; una Unità di Lavoro kibbuziana mentre si
reca nei campi agricoli; ed una veduta del 1947 di Kibbuz Dalia.
Per la cronaca, il Kibbutz è una associazione comunitaria volontaria di
abitanti basata sulla uguaglianza della proprietà e del lavoro, di matrice
espressamente socialistica (ripresa dal modello ideologico marxista-leninista
adattato al pensiero sionista) importato dai primi colonizzatori ebraici in
Palestina provenuti dalla Russia e dall’Europa. I villaggi autonomi
cooperativi israeliani sono cominciati, indipndenti dallo Stato di Israele non
ancòra istituito, nel 1909; ma il primo effettivo kibbutz esplicitamente
pianificato per il suo ruolo di insediamento collettivo agrario è stato quello
di Degania Bet in Galilea, progettato e costruito dall’architetto ebraico-
tedesco Fritz Kornberg (e non Korenberg come erroneamente viene sovente
trascritto) specialista in questo genere di urbanizzazioni coloniche.
20. Sistema costruttivo.
21. Una Unità di Lavoro kibbuziana.
22. Veduta aerea del Kibbuz Dalia nel 1947.

Si trattava di un nuovo metodo concettual-propositivo di definire il progetto architettonico, che coinvolgeva tutte le componenti edilizie (dagli autori dell’opera agli utenti degli spazi fino agli esecutori dei lavori) nella determinazione pratica della proposta, e formazione, edilizia; ma il cui intento profondo era anche di democratizzare – interpretando le idee e gli interventi di tutti gli interessati alla realizzazione – effettivamente la partecipazione di ognuno, e di tutti, al prodotto voluto (che prima apparteneva unicamente alla decisione, autoritariamente professionale, del solo progettista).

Ambientalismo natural-architettonico

Per quanto riguarda quindi la procedura di rispetto ambientale (di cui scarsamente viene scritto a riguardo dell’opera di Ricci, anche per il progetto Agape), essa è sicuramente pervenuta – come inevitabilmente – dal contatto diretto ed al cospetto estatico del paesaggio vallivo, in quella sua straordinaria contestualità, rocciosa e vegetale, delle montagne alpine.

E anche nella riflessione della convinzione che la creazione architettonica finisce per distruggere (poco o tanto) l’ambiente naturale in cui opera (lo stesso architetto scrisse poi, nel 1962, sul proprio libro Anonimo del XX secolo, che bastava un muro innalzato su un terreno a trasformare il luogo e cambiare lo spazio con una netta separazione), l’intervento del progettista per ricavare Agàpe è avvenuto su un pianoro vuoto leggermente scosceso, lasciato nella sua tipicità orografica senza sbancamenti eccessivi (se non negli scavi necessari per fondamenta e murature) ed evitando di sradicare alberi immotivatamente.

Nella espressione stessa delle architetture, e dei materiali da costruzione, Ricci ha voluto poi evidenziare questa generale ambientalità mantenuta, e ricordata a tutti, utilizzando elementi locali (pietre grezze montane, sbozzate irregolarmente nella loro naturalita di spacco e posate a vista, prevalenti sulla artificialità cementizia delle strutture portanti, in parte convenzionalmente intonacate; legno per capriate, partiture interne e mobilio, e serramenti; e perfino le coperture con lastre lapidee sfaldate in vernacolari scàndole, piemontesemente chiamate lose) [Figura 23]. E questa identità del luogo è stata quindi ulteriormente riferita alla suggestione volumetrico-spaziale degli edifici, ripresa dalla edilizia paesano-alpina dei cascinali e delle baite montane, nella loro comune costituzionalità storica dei casolari con grandi fienili aperti ed alti, come nella più eroica tipicità valdese delle case dei protagonisti esemplari della comunità (di cui la cinquecentesca Casa di Gianavello – sostenitore della lotta delle comunità protestanti contro i tentativi di genocidio cattolico perpetrato dai Savoia – costituisce un modello esemplare) [Figure 24-27].

23. Centro Ecumenico di Agàpe, 2016. Alcune significative suggestioni di confronto tra l’architettura di Agape e la tradizione locale della edilizia valdese. Dall’alto: in una immagine dell’architetta lombarda, e pubblicista, Violetta Breda (Il Centro Ecumenico di Agàpe, 2016; rielaborazione cromo-compositiva di Corrado Gavinelli del 2020); in una foto (La Gianavella) forse di Attilio Jalla del 1940; in una cartolina del 1937 (Costume Valdese – Alla Fonte, di autore ignoto; stampata dalla Tipografia Hugon di Torre Pellice) riproducente una scena di vita dei Valdesi del Piemonte sub-alpino, con la caratteristica architettura rustica di genere valdista; e quindi in un confronto formale tra un famoso dipinto dell’artista valdese, di Torre Pellice, Paolo Paschetto del 1917 (La Gianavella) e il disegno progettuale dell’impianto architettonico geometrico di Ricci (Ingresso al Padiglione Centrale, 1948). L’aspetto esteriore delle partiture costruttive impiegate per Agàpe, nella forma e nei materiali, proviene certamente, per il loro aspetto rustico, dalla suggestione delle costruzioni valdesi (in particolare riprese da Ricci – oltre che dalla diretta osservazione degli esemplari esistenti sul territorio – dalle fotografie allora a disposizione: ed in particolare dal modello edilizio della Gianavella (la importante, e storica, Casa di Giosuè Gianavello, eroe della resistenza valdista contro l’annientamento delle popolazioni protestanti piemontesi condotte dal ducato sabaudo tra 1655 al 1663) edificata dal 1639 al 1660.
24.
25.
26. Paolo Paschetto, La Gianavella, 1917.
27. Leonardo Ricci, Ingresso al Padiglione Centrale, 1948.

Riprendendo, infine, addirittura un senso di comunità domestica degli antichi Valdesi (lo spazio unico della cucina, che serviva anche da soggiorno e luogo di raccoglimento familiare e di accoglienza degli altri) nella costruzione spaziale del luogo assembleare, di culto o di riunione collettiva, che si estende anche a tutti gli altri spazi della vita comune assegnata ai frequentatori.

Corrado Gavinelli e Mirella Loik

Torre Pellice, Settembre-Ottobre 2020 e Febbraio 2021

Per una più ampia e dettagliata informazione sugli argomenti trattati nel saggio, si vedano le seguenti pubblicazioni: AA.VV. (M. Loik, G. Rostan, C. Gavinelli), L’architettura di Leonardo Ricci – Agàpe e Riesi, Claudiana, Torino 2001; e E. Tuccio, Il Villaggio di Monte degli Ulivi a Riesi di Leonardo Ricci, EstModus/Priulia, Palermo 2001. Invece per la Scult-Architettura: C. Gavinelli, La Struttura Occultata e l’affermazione della Scult-Architettura, in ‘OFX’ 2003, N°70.

E per le vicende contemporanee della architettura odierna: C. Gavinelli, Architettura Contemporanea dal 1943 agli Anni Novanta, Jaca Book, Milano, 1995.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here