Un Sentiero per l’Avvento. Nadia Nespoli nella “chiesa di vetro” di Baranzate di Bollate

0
150

Sentiero è un’installazione artistica inedita creata per il tempo dell’Avvento, collocata all’interno della chiesa di Nostra Signora della Misericordia di Baranzate (nota come “chiesa di vetro”). Per questo progetto, l’artista milanese Nadia Nespoli inserisce nello spazio dell’altare una rappresentazione e interpretazione del periodo di sei settimane che precede il Natale cristiano, cioè la venuta, dal tardo latino “adventus”, di Cristo. Il concetto dinamico inerente all’immagine di “venuta” è infatti ripreso dall’immagine del sentiero: una via creata e viva grazie al passaggio di chi viene.

L’installazione

Un pavimento, una strada, un marciapiede, o solo un cammino interiore. Sentiero è una passatoia lunga sette metri che, srotolata sull’altare, invita a meditare sul tema del tempo e dell’attesa attiva.

La realizzazione dell’opera ha richiesto una lavorazione lenta e meticolosa. Nadia Nespoli ha impresso sulla superficie ruvida e biancastra della stoffa strati di colori acrilici (primari e complementari) asciugandoli dal pavimento, un particolare procedimento per imprimere un risultato in continuo movimento, ricoprendoli in una fase finale con pastello a olio bianco. Le dimensioni e gli spessori delle aree colorate sfuggono e variano sull’estensione del lavoro. Una leggera stampa a strisce si definisce sulla superficie, risultato di un contatto tra il colore e piccoli quadrati di una stola ad uncinetto, tessuta a mano dalla stessa artista. 

Il risultato finale è un Sentiero modellabile, interagibile, dinamico. Non solo il tessuto utilizzato è libero da argini e contorni, ma sfugge anche al contenimento dell’ambiente perché muta la propria vita espositiva ad ogni piccolo tocco o movimento. È un Sentiero vivo, che si può spostare, toccare, calpestare. E toccando la passatoia con le mani o camminandoci sopra a piedi nudi, ci si sporca di bianco.

Il corridoio di tela creato da Nadia Nespoli simboleggia tutto ciò che la parola “sentiero” raccoglie: un caos visivo talvolta sporco, irregolare, deformato da rimaneggiamenti e calpestamenti. Ogni tratto della passatoia è diverso, arricchito da nuove densità e intensità. “Si tratta di pura ricerca e sperimentazione”, rivela l’artista, “Sentiero si appropria di un cammino senza troppe coordinate: un cammino semplice e importante come quello dell’Avvento”. 

La “chiesa di vetro”

Con Sentiero, l’arte di Nadia Nespoli dialoga con uno degli esempi più importanti di architettura ecclesiale moderna. Un parallelepipedo perfetto, rivestito in vetro e materiale isolante traslucido, alto 9 metri a pianta rettangolare di 14 metri per 28, con pareti segnate da linee che formano rettangoli che alleggeriscono visivamente il blocco dell’edificio. “La prima impressione”, racconta la curatrice Margherita Zanoletti, “è di un’estrema semplicità, una bellezza che si nutre di essenzialità. La facciata più che di vetro sembra di latte. Dentro, è pura luce.”

La chiesa di Baranate di Bollate. Foto dal sito www.jeruslem-lospazioltre.it

Inaugurata il 7 novembre 1958 dall’allora cardinal Montini, futuro Papa Paolo VI, e recentemente restaurata, la chiesa di Nostra Signora della Misericordia è opera degli architetti Angelo Mangiarotti e Bruno Morassutti con l’ingegner Aldo Favini, e fa parte di un più ampio progetto di costruzione di nuovi luoghi di culto attuato negli anni Cinquanta. Per questo progetto, per la prima volta si decise di impiegare per l’architettura sacra cemento armato precompresso, elementi prefabbricati, ferro e vetro, per una costruzione che trasmettesse un messaggio di possibile armonia fra bellezza, povertà e rigore.

Nadia Nespoli | Sentiero – dal 16 novembre al 31 dicembre 2022 – Chiesa di Santa Maria della Misericordia, Baranzate (MI) – inaugurazione e presentazione dell’opera domenica 4 dicembre 2022, h. 12

Biografia dell’artista

Nadia Nespoli vive e lavora a Milano. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera, ha all’attivo numerose mostre e installazioni, tra cui le recenti Visible/Invisible presso L’amour Art Space di Hangzhou, Cina (collettiva, 2022), Offerte di tempo, nello Spazio Aperto San Fedele di Milano (personale, 2022), Rivelazione, ospitata nella chiesa sconsacrata di San Vittore e Quaranta Martiri, Milano (personale, 2021), Animalia presso lo Spazio Bipielle Arte a Lodi (collettiva, 2021), Integration. Expression on a Global Society presso Edward Linx a Stoccolma, Svezia (collettiva, 2019) e Meditazioni per occhi allo Spazio Filatelia di Poste Italiane a Milano (personale, 2019). In parallelo alla ricerca artistica personale, Nadia Nespoli idea e conduce corsi di pittura e laboratori creativi. Nel 2012 fonda il Laboratorio Artemisia presso la Casa di reclusione di Milano – Bollate, curando esposizioni collettive.